il premio è promosso da


Cooperazione
per lo Sviluppo
dei Paesi Emergenti

 

HOME

PRESENTAZIONE

BANDO

PROMOTORI

 

edizione 2005

edizione 2004

 

PREMIO GIORNALISTICO MOSTAFA SOUHIR 2006 - ASSEGNATI I PREMI

Ventidue format tv e trentuno video hanno partecipato alla terza edizione del Premio giornalistico Mostafà Souhir per la multiculturalità nei media con un panorama di produzioni che rispecchia in pieno la ricchezza e la varietà che caratterizzano il settore dei media multiculturali in Italia.
La cerimonia di premiazione, che si è tenuta nella mattinata di sabato 25 novembre in palazzo Medici Riccardi di Firenze, è stata un successo, in termini di partecipazione, di pubblico e per la qualità dei contenuti espressi.

Preceduta da un talk show dal titolo Media multiculturali, media mainstream: una collaborazione possibile, essa è stata, come per le precedenti occasioni, un'occasione per far incontrare tante delle realtà editoriali multiculturali della radio, della TV, della carta stampata e del web, attive su tutto il territorio nazionale.
Il successo di questa manifestazione, unica nel suo genere in Italia - ha infatti dichiarato Fabio Laurenzi, presidente COSPE - dimostra non solo la vitalità del settore ma anche che la strada intrapresa dal Cospe nel lavorare sul tema "media e multiculturalità" risponde a una domanda e a un'esigenza concrete.

Si tratta di una scommessa sul futuro: i tanti operatori dei media oggi presenti alla cerimonia stanno già lavorando per costruire la società italiana di domani.                               
La terza edizione del Premio Mostafà Souhir, promosso da COSPE, dal Comune di Firenze e da Controradio di Firenze, era dedicata ai format televisivi e ai video realizzati da cittadini immigrati.

I PREMI:

La giuria, presieduta da Jean Leonard Touadi (giornalista e assessore alle politiche giovanili del Comune di Roma) e composta da Enzo Cucco (Segretariato sociale Rai), Giovanni Anversa (Racconti di vita, RAI 3), Elisa Manna (Censis), Marina Cosi (FNSI), Nacera Benali (stampa estera), Raffaele Palumbo (Controradio, Firenze) ha attribuito i seguenti premi: il premio al miglior format televisivo, del valore di 5.000 euro, è andato a Noticiero, programma che va in onda su Telegenova e Telecittà "un progetto indipendente e durevole nel tempo che non teme l'approfondimento e l'impegno; un'informazione che esprime l'identità delle comunità immigrate come elemento di ricchezza della nostra società".
La Giuria del Premio Mostafà Souhir ha inoltre attribuito due menzioni speciali rispettivamente a Colors, un ciclo di trasmissioni in onda sulla testata regionale Rai del Friuli Venezia Giulia: "per l'attualità del linguaggio, l'esempio di riuscita collaborazione nel territorio fra enti locali, media e nuovi cittadini" e a Black Emotion - in onda sia su RTB International di Brescia che sul satellite - "un format coinvolgente e interattivo che mescola linguaggi visivi e radiofonici".
Il premio come miglior video è invece andato a G2 realizzato da Maria Rosa Jijon insieme alla rete dei ragazzi G2: generazioni seconde per: "l'originalità dello spunto, la spontaneità e la freschezza e per essere espressione riuscita del protagonismo nel mondo della comunicazione da parte delle giovani generazioni di immigrati". Menzione speciale al video La neve realizzato dall'associazione "Le giraffe" di Parma per la "grande efficacia dei linguaggi utilizzati nel dar voce alla denuncia e per la forza espressiva".
Il premio alla carriera è andato a Geneviève Makaping. Giornalista, scrittrice, docente di antropologia di origine camerunese, Geneviève Makaping, è direttrice del quotidiano "La Provincia cosentina".
Nel talk show, che ha preceduto la premiazione, si è discusso della possibile collaborazione tra media a larga diffusione e media multiculturali. E' Viorica Nechifor (La Stampa) a trarre le conclusioni dell'incontro che ha visto tra i partecipanti, oltre ai giurati, Carlo Sorrentino, (Università di Firenze) e Pino Rea (FNSI): "La collaborazione non solo è possibile ma è già in atto. I tempi sono maturi perché avvenga una vera e propria fusione tra le due realtà che non sono così distanti come si teme. Certo cambiare il sistema richiede tempo ma la contaminazione si vede e comincia dalle tante piccole realtà che già operano in tutta Italia". "E proprio il Premio Souhir - ha detto Giovanni Anversa, in collegamento da Torino - ha contribuito, nel corso delle sue tre edizioni, a questo scambio e arricchimento reciproco tra i giornalisti che lavorano nei media multiculturali e quelli a larga diffusione".

*Ascolta lo speciale sulla cerimonia di premiazione a cura di Faustin Akafack per Asteriscoradio.com.

Il premio Mostafà Souhir, si avvale del contributo della Commissione europea, progetto Mediam'Rad Media, Diversità, Pluralismo, ed è patrocinato, tra gli altri, da Rai - Segretariato sociale, Federazione Nazionale Stampa Italiana e Ordine dei giornalisti.

in collaborazione con


Assessorato Politiche dell'Accoglienza e Immigrazione

 

con il patrocinio di:

 

nell'ambito del prog. Mediam'rad - Comm. Europea

media partner:

Segreteria organizzativa: COSPE - Via Slataper, 10 50134 Firenze - Italia
Tel. +39.055.473556 Fax +39.055.472806 info@premiomostafasouhir.it